«

»

Eccellenze femminili : premio “Roma Capitale delle donne“

Roma, 10 giugno 2011 – Ad Anna Di Lallo, oggi il Premio “Roma Capitale delle Donne “ nella categoria associazionismo,  consegnato alle Eccellenze femminili, presso la Sala della Protomoteca al Campidoglio dal Sindaco Alemanno e dal Delegato del Sindaco per le Pari Opportunità, l’ On. Lavinia Mennuni.

Il suo impegno per la sicurezza , attraverso i numerosi progetti messi in campo, è soprattutto nello stimolare le donne ad essere più forti, informate,  consapevoli per riuscire sempre più a scegliere invece che
essere scelte, ad agire e reagire piuttosto che subire .

Dopo aver lavorato in multinazionali leader in Europa nell’area marketing e comunicazione, ritornata in Italia, è riuscita con determinazione ad importare nella Pubblica Amministrazione strategie e strumenti acquisiti in imprese di successo, offrendo un importante contributo in termini di innovazione e semplificazione di processo.

Attraverso strategie di Project Management, mirate a creare soluzioni funzionali ed innovative, è riuscita inoltre a sviluppare, per i diversi interlocutori istituzionali, nuove e più efficienti reti di relazione con i mercati economici, sociali e culturali, puntando al raggiungimento di risultati efficaci e misurabili.

Oggi è Presidente di Omniares Communication, un’associazione composta da un team interdisplinare di giovani professioniste. Con sede a Roma, conta moltissimi soci ed opera a livello nazionale. La sua mission è ideare
iniziative e progetti per la pubblica amministrazione finalizzati ad offrire soluzioni innovative e mirate a problemi complessi. Tra i frutti del marketing la sua bravura è scegliere quello  maturo per il successo.

Nel 2010 ha realizzato il progetto “Mille Occhi sulla Città – Vivere sicuri si può” per il Comune di Roma Capitale creato con l’obiettivo di aumentare il senso di sicurezza percepito dai cittadini.

Il progetto rappresenta il primo esperimento italiano di sicurezza integrata per le città , elaborato in linea con il Protocollo del Ministero dell’Interno in tema di sicurezza e ha puntato su formazione, informazione e tecnologia per offrire alle donne utili strumenti per
contrastare la violenza.

Il percorso ideato ha visto coinvolte già più di 1000 donne romane ed il coordinamento delle Forze dell’Ordine sul
territorio: Polizia municipale, Polizia di Stato e Carabinieri.